Cattelan in "L.O.V.E"

 

Considerando che il mio raggio di interesse si estende su milano era scontato che sarebbe saltata fuori, prima o poi, l’opera di uno dei più celebri artisti italiani viventi, che risiede in piazza degli affari ormai dal 2010.

L.O.V.E._2

L.O.V.E. di Maurizio Cattelan, conosciuto dai più come “il dito”, è l’acronimo di Libertà-Odio-Vendetta-Eternità. Questa statua dovrebbe rappresentare una mano intenta a fare un saluto fascista, mozzata però di tutte le dita tranne il medio che, erose dal tempo, lasciano intatto il dito creando così il gestaccio, rivolto a unodei palazzi di Milano di architettura fascista.

L.O.V.E._6

Ovviamente però conoscendo Cattelan e la natura provocatoria delle sue opere, molti trovano che il significato dell’opera sia un dito medio che fa il gesto volgare alla Borsa di Milano e a tutto il mondo economico che essa rappresenta.

L.O.V.E._3

Non si avrà mai una conferma sul vero significato di quest’opera, perché Cattelan alla presentazione della statua, alle domande dei giornalisti presenti, rispose che l’opera era dedicata“soprattutto all’immaginazione, all’immaginazione di tutti quanti, di quelli che ce l’hanno”, quindi ognuno a suo modo pensi il significato che ritiene più consono, non a caso quest’opera ha creato un a diatriba non da poco nella città di Milano, dove in numerosi si sono schierati per farla rimuovere, ma che ha invece ottenuto il posto fisso lì, di fronte a Palazzo Mezzanotte.

 

Feral Horses, l'arte a portata di tutti #interview
CROSSOVER/S

Related Articles

Commenta!